Esposizione su carta fotografica

1. Processo di esposizione

Lente
Chip DLP
n
Supporto DLP

2. Immagine latente (invisibile)

3. Foto sviluppata

Nell'album su vera carta fotografica le immagini non vengono stampate, bensì create attraverso la luce, come nello sviluppo tradizionale delle fotografie. Un chip DLP proietta le fotografie sulla carta speciale stratificata dell'album (1). Questo chip è formato da due milioni di piccoli specchi che possono essere orientati in modo da riflettere o meno la luce con cui viene illuminato il chip. Questo tipo di chip viene impiegato anche nei proiettori. La proiezione della fotografia provoca una reazione chimica nei cristalli fotosensibili di alogenuro d'argento che si trovano nel rivestimento della carta. Nasce così una cosiddetta immagine latente (2). Nel processo di sviluppo seguente l'immagine diventa visibile (3).

Questa procedura offre una risoluzione assai più elevata rispetto alla stampa, nonché gradazioni di colori molto precise e non richiede alcuna rasterizzazione. I colori sono più vivaci e luminosi perché lo spazio dei colori che possono essere rappresentati è assai più ampio di quello della stampa. Complessivamente si ottiene un'immagine più precisa, ricca di contrasti e brillante anche nei dettagli.